Condividi

SVANTAGGIO E INCLUSIONE

La nostra scuola è particolarmente sensibile nei confronti della problematica relativa agli alunni diversamente abili, al fine di promuovere la loro piena integrazione/inclusione nella scuola, nella famiglia e nella società, e di garantire loro il pieno rispetto della dignità umana e la valorizzazione delle risorse personali.

I docenti curriculari e di sostegno progettano il percorso didattico in funzione delle specifiche necessità di ogni alunno e concordano i loro interventi con gli insegnanti di classe e con l’équipe psico-pedagogica, coerentemente con lo spirito della legge 104/92, per permettere l'effettivo inserimento dei soggetti svantaggiati ed in situazione di handicap.

I Consigli di Classe, di Interclasse e di Intersezione, ai sensi del D.P.R. 24.02.1994, stileranno entro la fine dell'anno scolastico il P.E.D. (Piano Educativo Didattico) per la richiesta delle ore di sostegno.

L’azione educativa si realizzerà attraverso:

  • un'attenta analisi iniziale di ciascun allievo e del suo contesto familiare;
  • attività di accoglienza;
  • interventi individualizzati in ambito disciplinare per recupero e consolidamento delle competenze sia in assetto classe che in piccolo gruppo sia omogeneo che eterogeneo;
  • attività di monitoraggio degli interventi di recupero e potenziamento;
  • attività di integrazione sociale (sport, drammatizzazione…);
  • collaborazione con i servizi specialistici del territorio;
  • incontri periodici tra docenti di sostegno di tutti gli ordini e gradi.

I gruppi di lavoro istituiti ai sensi dell'art. 12 e 15 della legge 104/92, avranno funzioni di progettazione, controllo e verifica, elaborazione del PDF e PEP.

Il team docenti/consiglio di classe individua alunni con Bisogni Educativi Speciali, svantaggiati e/o deprivati culturalmente, anche se non portatori di handicap, per stabilire eventuali azioni di recupero avendo come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità nell’apprendimento, nella comunicazione e nella socializzazione.

La scuola offre i seguenti tipi di interventi: intervento diretto al singolo alunno; intervento diretto a un piccolo gruppo di recupero; intervento sulla classe; intervento su classi aperte (laboratori);

Le strategie individuate promuovono interventi specifici: predisporre una programmazione flessibile che preveda l’insegnamento individualizzato e/o per piccoli gruppi; favorire l’apprendimento collaborativo, valorizzare interessi e attitudini, atteggiamenti di ciascun alunno in ogni attività; intensificare la comunicazione con le famiglie.